Chi ha detto che esiste solo il mal d'Africa? 

Siete mai stati in Asia? Io non lo definisco un luogo ma un sentimento; è un pò come il primo amore, non si scorda mai. 

In questi anni che ho viaggiato in questo magnifico continente ci sono state storie che mi sono entrate nell'anima; storie brevi, veloci ma talmente intense che non potrò mai scordare. 

L'Indonesia è stato il viaggio dove ho ricevuto più amore; in questo luogo le persone mi hanno fatto scordare il peso del mondo. 

UBUD RICE FIELD TRACKING, BALI, INDONESIA - 28.07.2017

Questa è la storia di una persona fantastica.

Una donna sordomuta mi ha fermato per strada prendendomi per un braccio e, con i gesti, mi ha invitato a sedermi sugli scalini del suo sfornitissimo "minimarket".

Avevo camminato per 12 km sotto la pioggia perchè mi ero persa in una risaia; sfatta, disorientata e tutta bagnata mi ha fatto rifocillare presso il suo negozio. 

Aveva pochissime cose dentro quella buia e distrutta baracca, quasi come se non avesse guadagnato abbastanza quel mese da non potersi permettere di comprare altra merce. 

Suo marito stava seduto all'ingresso con la nipote in braccio.

Mi guardavano, ridevano, sorridevano, mi salutavano e timidamente si giravano se i nostri sguardi si incrociavano; questa donna mi spiegava che da quelle parti pochissimi occidentali passavano di lì ed io, per loro, ero come una boccata d'aria fresca, ero una novità, una curiosità. 

Cercavano di chiedermi le cose ma la comunicazione con loro era molto difficile, abbiamo passato un'ora insieme scambiandoci sguardi, risate ed abbracci. 

Avrei voluto che quel momento fosse per sempre, mi sentivo come se fossi parte della loro famiglia.

Mi ero però allontanata troppo da Ubud e Lei non aveva i mezzi per riportarmi in centro, allora con un abbraccio mi ha fatto capire che potevo restare con loro finchè non fosse passata la tempesta e fosse tornato il sole. 

Il suo è un semplice e umile insegnamento di vita. Prima di andarmene mi prese per mano e con i gesti mi disse: "Se le tempeste si affrontano insieme il sole tornerà a sorgere prima". 

 

GILI MENO, LOMBOK, INDONESIA - 07.08.2017 - 14.08.2017 

Dhea e Elsa. 

Sono l'esempio di come una famiglia non sia sempre e solo un legame di sangue ma possa essere un legame di amore e protezione. 

Sono stata una settimana a Gili Meno (Lombok), un'isola veramente straordinaria ma completamente deserta rispetto a Gili Air e Gili Trawangan, con pochissime Guest House, 2 bar in tutta l'isola e 5 ristoranti in tutto che, alle 20.30 al massimo, chiudevano.

La convivenza con le persone del posto è stata veramente molto forte e stretta e quello che ho imparato grazie a loro non avrei potuto impararlo da nessun'altra parte. 

Ciò che questa popolazione ha di bello è che di nulla vivono ma tutto hanno. 

Si svegliano all'alba per assimilare le vitamine che dà il sole; mi hanno spiegato che determinati benefici li puoi avere solo con le prime luci che toccano la terra, così dalle 05.30 alle 6.30 loro si siedono in spiaggia, in silenzio, e assimilano tutta l'energia positiva che quell'affascinante spettacolo di luci e colori gli regala.

Durante la giornata fanno qualche lavoretto per migliorare gli alloggi, puliscono le stanze e gestiscono quello che loro chiamano "bar" un tavolino messo in riva al mare con sopra diverse bottiglie vuote.

Ogni mattina chiedevo un succo d'ananas e le risate non mancavano mai, iniziava la corsa tra di loro a chi prima andava a prendermelo perchè avevano il frigorifero del bar a 800 metri dalla spiaggia!

Da lì è nata un'amicizia che tutt'ora mi fa ancora emozionare. 

Ogni sera ci portavano a pesca con loro, a cercare le tartarughe, mangiavamo insieme il polpo fresco cucinato sulla griglia, tutti insieme intorno al fuoco come una grande e felice famiglia, con i bimbi che correvano felici lungo tutta la spiaggia. 

Questo è il vero contatto che io cerco durante i miei viaggi e quando mi chiedono: "di dove sei?" la mia risposta è questa: "io sono del mondo". 

Quando me ne andai fu un colpo al cuore, mentre mi allontanavo con il mio zaino in spalla piangendo dalla tristezza mi chiamarono e mi dissero:"Giulia far from the eyes, close to the Heart" - Lontano dagli occhi vicino al cuore.  

Queste sono le emozioni che certi luoghi ti danno.  

VIAGGIATE. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche...

Giulia, l'autrice



Ho sempre pensato che il mio carattere frizzante, esuberante e pieno di vita sia stato influenzato dal fatto che sono nata di sabato sera alle ore 21.00, nel pieno segno zodiacale dell’Ariete, ascendente Scorpione!
Chi s’intende un po’ di astrologia non penso che debba leggere altro su di me!...

Continua a leggere

Segui i nostri canali

    Presto su Youtube!!!